Cosa significa agricoltura biologica?

Sempre più spesso si parla di cibo biologico e di agricoltura biologica, anche se ancora in molti non sanno cosa siano i cibi biologici e come si distinguano dal cibo tradizionale.

Sempre più l’agricoltura biologica si è confermata un metodo di produzione funzionale a rendere migliore l’allevamento e la coltura di animali e frutti della terra, utilizzando – anzi escludendo – l’uso di additivi chimici nocivi.

Questo è l’agricoltura biologica, né più né meno: un metodo di coltivazione che sfrutta la naturale fertilità del terreno, senza usare fertilizzanti chimici.

Strutturata da un punto di vista legislativo a livello comunitario, riceve un primo regolamento – Regolamento CEE 2092/91 – sostituito successivamente dai Reg. CE 834/07 e 889/0 e – a livello nazionale – con il D.M. 18354/09.

Con la definizione “agricoltura biologica” si indica un metodo di coltivazione e di allevamento che prevede unicamente l’uso di sostanze naturali, escludendo quindi sostanze di sintesi chimica – insetticidi, concimi e diserbanti, anticrittogamici, pesticidi in genere.

Ricorrere ad una produzione agricoltura biologica comporta lo sviluppo di un modello che non preveda lo sfruttamento smodato delle risorse naturali: acqua, aria, suolo, impiegando opportunamente queste risorse entro un quadro di sviluppo che perduri efficacemente nel corso del tempo.

La fertilità naturale di un terreno diviene così motivo di interesse da parte degli agricoltori biologici che si impegnano ad utilizzare materiale organico e tecniche agricole appropriate per sfruttarlo in modo adeguato.

Anche per quanto concerne l’allevamento, vengono adottati dei sistemi che mettono al centro dell’attenzione il benessere degli animali, che si alimentano senza antibiotici, ormoni e altre sostanze artificiali, ma solo con erba e foraggio biologico.

Le aziende agricole devono offrire ampi spazi perché gli animali possano pascolare senza ostacoli.

Le colture vengono difese principalmente, in via preventiva mediante la selezione di specie resistenti alle malattie, e poi con delle tecniche di coltivazione mirate:

  • non si coltiva la stessa pianta sempre sullo stesso terreno. Non si creano le condizione ambientali ideali per i parassiti, ed il terreno viene fatto lavorare e produrre in modo più razionale e meno intensivo.
  • si riproduce il paesaggio mediante processi di piantumazione di siepi ed alberi, contesti naturali dove albergano i predatori naturali dei parassiti – e inoltre rappresentano un impedimento efficace per il verificarsi di eventuali fattori inquinanti;
  • si coltivano piante che non sono oggetto di “interesse” l’una ai parassiti dell’altra.

Un’altra caratteristica dell’agricoltura biologica è l’impiego di fertilizzanti naturali come il letame compostato e di altre sostanze organiche compostate, e incorporazioni nel terreno di trifoglio o senape, ovvero di piante seminate.

Per la difesa delle colture si può provvedere mediante l’uso di sostanze naturali vegetali, animali o minerali che prevedono l’uso di insetti, estratti di piante, che agiscono contro i parassiti, minerali naturali che intervengono nella correzione della struttura e delle caratteristiche chimiche del terreno, oltre che nella difesa delle coltivazioni dalle crittogame.

Le tecniche di coltivazione biologica sono necessarie nelle aziende agricole per assicurare una buona salute e prodotti della terra genuini, mediante la cura dei terreni, delle coltivazione e degli allevamenti. Se si deve ricorrere alla difesa delle coltivazioni da parassiti e altre criticità, l’agricoltore può ricorrere all’uso di sostanze di origine naturale, presentate dalla cosiddetta “lista positiva”, autorizzate e dettagliate dal Regolamento europeo.

I canali di distribuzione dei prodotti biologici, i luoghi dove si possono acquistare, sono i mercati, le aziende agricole, i negozi biologici e i negozi online specializzati e associati al produttore.

Per quanto riguarda i prodotti che si possono acquistare, sono tanti e vari, esiste un’ampia varietà di alternativa biologica per quanto riguarda tutti i prodotti di consumo quotidiano: pane, biscotti, cereali, yogurt, succhi di frutta, omogenizzati per bambini, dolci, caffè, tè, olio d’oliva etc… Tanto per fare un esempio, il sito web www.oliodellasicilia.com, è un punto di riferimento per chi desidera acquistare online olio extravergine di oliva.

La qualità dei prodotti biologici è sicuramente all’altezza di quelli tradizionali, rispetto al gusto e al sapore, oltre alla loro caratteristica principale, naturalmente, ovvero quella di mantenere la naturalità del prodotto, privo di additivi chimici, pesticidi e OGM.

Un approfondimento per chi avesse necessità di consultare la scheda dei prodotti biologici, può farlo alla pagina web: http://sosonline.aduc.it/scheda/prodotti+biologici+regole+riconoscimento_18460.php

Lascia un commento

Copyright © 2017. All Rights Reserved. Adels | Flytonic Theme by Flytonic.