L’alimentazione del cane anziano: come nutrirlo correttamente

Grande attenzione deve essere prestata all’alimentazione del cane anziano. La vecchiaia, infatti, potrebbe condurre il cane a digerire più lentamente il cibo. Inoltre, eventuali patologie in corso potrebbero rendere necessaria l’assunzione di un cibo piuttosto che di un altro. L’alimentazione – sana ed equilibrata – del cane anziano diventa allora strumento per favorire una vita sana e lunga al nostro amico a quattro zampe.

Tendenzialmente, la corporatura del cane anziano presenta una maggiore quantità di grasso e meno massa magra. L’aumento della massa grassa e una diminuzione di quella magra ha come corollario la diminuzione dei fabbisogni di mantenimento del cane anziano. Bisogna ricordare, infatti, che l’alimentazione del nostro cane deve essere modificata e deve cambiare con il passare degli anni. La dieta di un cucciolo non potrà mai essere la stanza di quella di un cane più anziano e che inizia a manifestare i primi acciacchi legati all’età.

In particolare, infatti, con l’inizio della terza età, il cane tollera meno il glucosio ed aumenta la resistenza all’insulina. Il picco glicemico sarà più tardivo e, per evitare l’insorgenza di patologie indesiderate (come il diabete mellito), bisognerà evitare una massiccia somministrazione di carboidrati.

CANE ANZIANO? ATTENZIONE AI GRASSI!

Una corretta alimentazione del cane anziano significa calibrare – rispetto alla nuova età – i bisogni nutrizionali del nostro amico a quattro zampe. Come prima precisato, il cane anziano tende ad ingrassare di più: per questo motivo l’alimentazione va cambiata, riducendo il consumo di lipidi. Sì ai grassi “buoni” come gli omega3 e omega6, molto utili per le articolazioni e per l’attività cerebrale del vostro amico a quattro zampe.

Una dieta equilibrata, inoltre, aiuterà ad evitare l’insorgenza di patologie cardiache, respiratorie e articolari che colpiscono i cani anziani. Bisogna curare l’alimentazione del cane non esagerando con le proteine per non sovraccaricare i reni. Si consiglia, poi, di introdurre nella dieta del cane anziano alimenti di alto valore biologico. No agli avanzi del pranzo e della cena.

È bene che la dieta del cane anziano sia ricca di vitamine in modo da rafforzare le ossa e le articolazioni. Il cibo, inoltre, deve essere altamente digeribile poiché nei cani anziani potrebbero subentrare difficoltà digestive. Preferite alimenti leggeri (facilmente digeribili ed assimilabili), sani e di qualità. Favorite l’introduzione di cibi che contengano antiossidanti in modo da rendere il sistema immunitario più forte e da prevenire eventuali infezioni.

È molto importante, infine, confrontarsi con il proprio veterinario di fiducia che saprà consigliarvi sulla giusta dieta e sulle corrette dosi di alimenti da somministrare al cane anziano.

Tagged with:

Lascia un commento

Copyright © 2017. All Rights Reserved. Adels | Flytonic Theme by Flytonic.